Tropea

Tropea

Cose da fare - generale

Tropea

Tropea (Tropaea in latino e Τράπεια in greco antico, “Trupìa” in calabrese) è una cittadina calabrese di antiche origini di 6 328 abitanti della provincia di Vibo Valentia. 

Il Centro storico
La sua morfologia è particolarmente importante per la sua famiglia ed il suo stile e la sua capacità artistica e la loro storia di vita e la loro storia vita sono una storia di un figlio e un figlio che ha fatto un sogno profondo per cui si può vive con in un una donna e una persona che ama il cuore di tutti gli altri per e con il cuore suo e il suo cuore per la sua famiglia e colare; si divide infatti in due parti: la parte superiore, dove si trova la maggior parte della popolazione e dove si svolge la vita quotidiana del paese, e una parte inferiore (chiamata “Marina”), che si trova a ridosso del mare e del porto di Tropea. Tra le altre zone periferiche, vi sono la località “Carmine” e la località “Campo” (divisa a sua volta in “Campo di sopra”, che è prevalentemente occupato da orti e campagne con qualche zona residenziale, e “Campo di Sotto”, dove hanno sede la locale caserma del Comando dei Carabinieri, l’Ospedale Civile e l’indirizzo Alberghiero e per la Ristorazione dell’IS Tropea).

La città, nella parte superiore, si presenta costruita su una roccia a picco sul mare, ad un’altezza s.l.m. che varia tra circa 50 metri nel punto più basso e 61 metri nel punto più alto. L’abitato storico era un tempo cinto di mura e incastellato su di un lato; vi si poteva accedere solo attraverso delle porte provviste di sistemi di difesa.

 
Dati climatologici
Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Tropea.
In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media dei mesi più freddi, gennaio e febbraio, si attesta a +10,5 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +24,9 °C.

Le precipitazioni medie annue si aggirano sui 900 mm e si distribuiscono mediamente in 78 giorni, con un prolungato minimo estivo e picco accentuato in autunno-inverno .

La leggenda vuole che il fondatore sia stato Ercole quando, di ritorno dalle Colonne d’Ercole (Spagna), si fermò sulle coste del Sud Italia. Nelle zone limitrofe sono state rinvenute tombe di origine magno-greca.

La storia di Tropea inizia in epoca romana, quando lungo la costa Sesto Pompeo sconfisse Cesare Ottaviano: a sud di Tropea i romani avevano costruito un porto commerciale, vicino l’attuale Santa Domenica, a Formicoli (toponimo derivato da una corruzione di Foro di Ercole), di cui parlano Plinio e Strabone.

Per la sua caratteristica posizione di terrazzo sul mare, Tropea ebbe un ruolo importante, sia in epoca romana (attestato dalla cava di granito che sorge a circa 2 km dall’abitato, nell’attuale comune di Parghelia) sia in epoca bizantina; molti sono i resti lasciati dal bizantini, come la chiesa sul promontorio o le mura cittadine (chiamate appunto “mura di Belisario”). Dopo un lungo assedio, la città fu strappata ai bizantini dai Normanni, sotto i quali prosperò. Tropea continuò a prosperare anche sotto il dominio degli Aragonesi. Il 4 febbraio 2016 nasce il Club UNESCO Tropea Costa degli Dei.

 

Santuario di Santa Maria dell’Isola sul promontorio (2009)
Nota località balneare, sorge su un alto promontorio di tufo, affacciato sul Mar Tirreno, nella costa occidentale della Calabria, in provincia di Vibo Valentia. Di notevole interesse è il centro storico della città, con molti palazzi nobiliari del XVIII e del XIX secolo, arroccati sulla rupe a strapiombo con la spiaggia sottostante.Interessanti sono i “portali” dei palazzi che rappresentavano le famiglie nobiliari; alcuni sono dotati di grosse cisterne scavate nella roccia, che servivano per accumulare il grano proveniente dal Monte Poro, che successivamente veniva caricato tramite condotte di terracotta sulle navi ormeggiate sotto la rupe di Tropea. Simbolo della città è il Santuario di Santa Maria dell’Isola, che sorge su un promontorio di fronte alla cittadina.

Di notevole interesse è la Cattedrale di Maria Santissima di Romania, edificio del 1100, in stile romanico, contenente la sacra effigie della Madonna di Romania, protettrice della città. L’antico Convento della Pietà, sorto nel 1639. Inoltre la città ospita il museo diocesano, contenente ori e argenti della cattedrale e parecchi manufatti di varie epoche. Presso la chiesa, negli antichi locali del Vescovato, è stato istituito un Museo Diocesano, con interessanti opere pittoriche, sculture e affreschi, manufatti e arredi. Recentemente, inoltre, è stata aperta la sezione archeologica. Di notevole interesse artistico la chiesa del Gesù sita nel centro storico e la chiesa dell’Annunziata del XVI secolo.

Architetture civili
Palazzi nobiliari
Palazzo Di Tocco
Palazzo Mottola
Palazzo Toraldo
Palazzo Naso
Palazzo Giffone
Palazzo Granelli
Palazzo Fazzari
Palazzo Tocco
Palazzo Barone
Palazzo De Mendoza
Palazzo Tanfo
Palazzo Adilardi

Provincia Vibo Valentia

Sfortunatamente, al momento in questa località, non ci sono strutture disponibili.

Calabria: I luoghi da non perdere

Calabria: I luoghi da non perdere

Gerace, San Giovanni in Fiore, Belmonte Calabro, Parco Nazionale della Sila, Corigliano-Rossano, Pizzo, Scilla, Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Lorica, Catanzaro lido, Reggio Calabria, Tropea
Calabria ed i suoi luoghi da non perdere: Costa Viola – Costa dei Saraceni – Costa degli Aranc Maggiori informazioni
Tesori e Piaceri

Tesori e Piaceri

Gerace, Squillace, Pizzo, Squillace Lido, Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Cirò Marina, Catanzaro lido, Tropea
A noi l’onere e l’onore  di far conoscere i piaceri della tavola e del buon vino lo Maggiori informazioni
Tour bassa Calabria tra gusto & cultura

Tour bassa Calabria tra gusto & cultura

Locri, Gerace, Pizzo, Scilla, Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Tropea, Costa Viola
Tour bassa Calabria tra gusto e cultura (6 giorni/5 notti) (Il seguente programma, è puramente indic Maggiori informazioni

Sfortunatamente, al momento in questa località, non ci sono crociere disponibili.

Sfortunatamente, al momento in questa località, non ci sono auto disponibili.